aaaa.gif

Mancata sicurezza al Palaercole: la denuncia di Maiuri (Policoro Futura)

0
0
0
s2sdefault
Schermata_2021-04-21_alle_18.01.37.jpgNessun controllo da Marzo 2019, nonostante la legge preveda specifici dettati. È la denuncia del capogruppo consiliare di “Policoro Futura”, Giuseppe Maiuri, a proposito dei dispositivi antincendio al Palaercole.
Durante uno dei sopralluoghi, anche in occasione della prova di evacuazione dello scorso 3 febbraio, ho provveduto a segnalare una serie di criticità tra le quali: la mancata sicurezza dei cavi tiranti delle ringhiere di emergenza, la mancata illuminazione delle vie di fuga ed il pessimo stato del locale caldaie (addirittura allagato ed in pessimo stato igienico - sanitario). A tutt’oggi non solo le citate criticità non sono state risolte, ma si aggiunge una nuova segnalazione pervenuta al sottoscritto, ed opportunamente verificata, legata alla mancata revisione periodica degli estintori il cui ultimo controllo risale al lontano marzo del 2019.
La manutenzione periodica dei dispositivi antincendio è appositamente regolata da una norma che stabilisce cinque momenti fondamentali di verifica: il controllo iniziale, la sorveglianza, il controllo periodico, la revisione programmata e il collaudo. Il controllo periodico, in particolare, deve essere eseguito da un’azienda specializzata, con una periodicità massima di sei mesi.
Ciò significa che il Palaercole non è in sicurezza almeno da Settembre del 2019, mese nel quale è scaduto il termine ultimo per espletare il controllo periodico e verificare la efficienza ed efficacia dei dispositivi.
In questo scenario di grave mancata sicurezza per una delle più importanti strutture adibite all’istruzione scolastica, l’assessore all’istruzione ancora non è stato nominato perché la crisi della maggioranza non è stata ancora risolta mentre quello delegato alla sicurezza (inutile chiedersi chi è) non ci pensa proprio, lui ha questioni molto più importanti della sicurezza di bambini e adulti da risolvere: le primarie di coalizione 2022.
in allegato:
-immagine di uno degli estintori
-immagini della “potente” illuminazione nei percorsi di emergenza
-immagini dello stato dei luoghi del locale caldaie