Braia: Bardi e Leone ristabiliscano l’uguaglianza. Anche nel materano attivare prenotazione tamponi molecolari gratuiti.

0
0
0
s2sdefault
Categoria: news Visite: 242
Luca_Braia_new_1.jpg“Ora basta, non ci possono essere lucani di serie A e lucani di serie B. Se Leone e Bardi non riescono a garantire uguali diritti a tutti, penalizzando ancora una volta la Provincia di Matera, si dimettano perché non rappresentano tutta la Basilicata.

Continuiamo a non comprendere, come si denuncia da giorni, perché per la prenotazione dei tamponi a scopo prevenzione la Regione Basilicata abbia attivato un servizio di prenotazione online per il test molecolare Covid19 solo con l'Aor San Carlo di Potenza e perché non si sia adottato lo stesso meccanismo anche nelle altre aziende sanitarie del materano. La Regione Basilicata deve trattare tutti i cittadini e le cittadine allo stesso modo, dando a tutti il diritto di scegliere se rivolgersi al privato o se usufruire, a necessità, di un servizio che sia realmente pubblico e disponibile nel territorio in cui si vive e non a decine di chilometri e in un'altra provincia. Credevamo inizialmente che la possibilità di prenotazione fosse una iniziativa spot, invece è un servizio permanente attivo dal 12 marzo scorso, di cui si può, paradossalmente, fruire solo nei presidi del potentino. Si estenda agli ospedali materani questo servizio e il diritto all'accessibilità dello stesso.

Invierò questa mattina una lettera al presidente Bardi e all’Assessore Leone e presenterò una interrogazione urgente.” 

Lo dichiara il Consigliere Regionale Luca Braia, capogruppo Italia Viva.

“L’assessore Leone di Policoro, tra l'altro - prosegue Braia - spero sia a conoscenza, dopo due anni di mandato oramai, che la sanità in Italia - e quindi anche in Basilicata - è anche  pubblica, che il San Carlo è finanziato dalla Regione Basilicata e che la salute e la prevenzione sono un diritto da garantire ad ogni lucano e lucana, anche non solo a chi è nato in provincia di Potenza.

Se è questione di incapacità organizzativa, per la provincia di Matera si affidi l'organizzazione al DG Spera, a cui va il nostro plauso, o ci si faccia aiutare anche dai laboratori privati. Bardi e Leone intervengano immediatamente perché il limite della pazienza, per queste continue discriminazioni nel territorio materano, è stato abbondantemente superato. Il passo verso una protesta plateale contro il governo regionale è brevissimo.

Su questo tema - conclude il Consigliere Braia -  lancio un appello a tutti i sindaci, al presidente della Provincia Marrese, ai consiglieri regionali a partire da quelli della provincia di Matera, e ai consiglieri provinciali, di unirsi a questa protesta formalizzando una richiesta che costringa il presidente Bardi e l’Assessore Leone a ristabilire uguali diritti per tutta la popolazione lucana.”