aaaa.gif

ARRIVA A MATERA LA “COMPAGNIA DEL SUOLO”, LA CAMPAGNA PER IL CHECK-UP DELLA CHIMICA NEI TERRENI AGRICOLI

0
0
0
s2sdefault

 la-Compagnia-del-Suolo.jpg

La tutela del suolo passa da un’agricoltura sostenibile: questo il tema del workshop che si tiene lunedì 11 ottobre presso il bar/ristorante Agriristories, via Sette Dolori 62, ore 17:30 

Roma, 11 ottobre 2021 - Arriva a Matera il giro d’Italia’ alla ricerca della salute del suolo. Perché se è vero che senza un suolo sano non ci sono cibi sani, è altrettanto vero che l’agricoltura sostenibile può contribuire concretamente alla salute del suolo. Per farlo occorre abbandonare un sistema agricolo intensivo, fondato sulla monocoltura e chimica di sintesi e passare a un’agricoltura sostenibile con colture diversificate, in grado di tutelare gli ecosistemi e la biodiversità. Questo consente di avere un suolo fertile, parte di un sistema resiliente ai cambiamenti climatici e ai disastri naturali e meno vulnerabile agli  stress esterni.  

Oggi i terreni sono un elemento trascurato sia dalla tutela di legge che dalle convenzioni internazionali. Nei campi, pesticidi, erbicidi e fungicidi lasciano tracce di sostanze chimiche di sintesi che minacciano la qualità dei raccolti, le acque di superficie e quelle sotterranee, la salute degli ecosistemi terrestri e acquatici. 

Proprio per parlare di salute dei suoli e di agricoltura sostenibile, il progetto Cambia la Terra promosso da FederBio con Legambiente, Lipu, ISDE-Medici per l’ambiente, Slow Food e WWF ha lanciato “La Compagnia del suolo”, una campagna di sensibilizzazione patrocinata dall’Ispra - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale - che sta attraversando l’Italia da nord a sud in nove tappe, a partire dal 28 luglio fino alla prima metà di ottobre 2021. 

Ottava tappa, Matera. Qui La Compagnia, composta da quattro persone (tre ragazzi e un agronomo qualificato), si fermerà in un’azienda biologica e in una convenzionale, prelevando campioni di suolo che verranno poi esaminati da un laboratorio accreditato per verificare la presenza nei terreni di sostanze chimiche derivate dall’uso di insetticidi, diserbanti, fungicidi. I risultati delle analisi dei vari campioni di terreno saranno presentati e discussi in un evento finale che si terrà a Roma a fine novembre.   

In coincidenza di questo prelievo, la Compagnia del Suolo organizza un aperitivo biologico presso il ristorante Agriristories con annesso workshop. All’incontro il cui tema è “La tutela del suolo passa da un’agricoltura pulita” interverranno Michele Monetta, FederBio; Luigi Agresti, WWF Italia;  Antonio Lanorte, Presidente Legambiente Basilicata; Giuseppe Mele, Alsia

 "Il suolo è una risorsa preziosa che finora non abbiamo protetto. Dobbiamo cambiare rotta. La diffusione e lo sviluppo dell'agricoltura biologica può fornire da subito risposte concrete, operative e pratiche ai cambiamenti climatici. Non certo il solito bla...bla…bla... denunciato a ragione dai giovani", dichiara Michele Monetta, membro del Direttivo Nazionale FederBio. "Oltre al problema dei pesticidi occorre considerare che il settore agroalimentare contribuisce per il 23% alle emissioni di gas serra. L’agricoltura biologica, con le sue tecniche di gestione del suolo – tra cui rotazione, sovesci, compostaggio, insetti utili - oltre a sprecare circa il 30% in meno di energia contribuisce a incrementare la biodiversità e la sostanza organica nel suolo. Quest’ultima è costituita prevalentemente da carbonio che cattura la CO2 dall’atmosfera riportandola nello strato superficiale del terreno per renderlo fertile e produttivo. Ed è per questi motivi che l’Ue ha fissato l’obiettivo di convertire al biologico il 25% della Sau entro il 2030, mentre oggi siamo a meno dell’8% a livello europeo", ha aggiunto.  

 "E' oramai evidente che l'agricoltura intensiva industriale  è una delle principali cause di perdita della biodiversità in Europa e nel nostro Paese”, afferma  Luigi Agresti, Wwf Italia   e a pagarne le conseguenze  sono tutte le specie che abitano il nostro pianeta ad iniziare dalla nostra. In particolare l’uso intensivo e prolungato di pesticidi nelle aree agricole è  uno dei principali fattori alla base del declino della biodiversità poiché queste sostanze chimiche hanno effetti tossici anche su organismi viventi che non sono il loro diretto bersaglio, come anfibi e rettili ma anche uccelli, mammiferi, insetti impollinatori e con ripercussioni drammatiche sugli ecosistemi.   In Europa il 62% delle aree agricole è ad alto rischio di inquinamento da un pesticida e il 94% da più di una sostanza.  Per contribuire alla transizione ecologica, sempre più urgente e necessaria, l’agricoltura deve orientarsi all’agroecologia, che applica i principi ecologici alla gestione dei sistemi agricoli. Solo così possiamo favorire tutti i processi naturali di rigenerazione e resilienza, e tutelare la salute umana e quella del Pianeta. E la Basilicata può essere in tal senso un importante laboratorio e fare da apripista per le altre regioni”, conclude.  

  

La partecipazione all'evento è vincolata a iscrizione preventiva da parte dei partecipanti a https://www.google.com/url?q=https://silverback.musvc3.net/e/t?q%3D6%253dDZ9UJa%2526p%253dV%25261%253dYDW%25262%253dY7cHb%2526y%253d4n9eA7RtL_5yWs_F9_vtfx_69_5yWs_EDjH5Kw.0yC_vtfx_69EUIN0sHNDo9e2x9hL%2526B%253dqN6TgV.1Cx%2526B6%253df8W%26mupckp%3DmupAtu4m8OiX0wt&source=gmail&ust=1634058629127000&usg=AFQjCNHVSGaJK4qpOBTvRL8IMNgCeD4uAw">questo link e alla presentazione in loco del Green Pass personale in corso di validità.