aaaa.gif

Braia: viabilità e infrastrutture, il Consiglio stabilirà criteri e ricognizione. Matera-Metaponto e Matera-Ferrandina siano priorità

 braia1

“Dimezzare i tempi di percorrenza ed elevare la sicurezza tra Matera e la zona ionica verso il mare, rendendo facilmente raggiungibili e fruibili gli oltre 22.000 posti letto dalla SS 407 Basentana, Ferrandina e dalle aree interne. Abbiamo un'occasione storica da non perdere. Finalmente il consiglio regionale tornerà centrale sul tema infrastrutture di Basilicata. Ringrazio i colleghi consiglieri per aver votato all’unanimità la mozione a mia firma con la quale si impegna la Giunta regionale e l’Assessore al ramo ad avviare immediatamente le attività previste nel Decreto Legge 10 settembre 2021, n.121, cioè la ricognizione delle infrastrutture da inviare al Governo, e a convocare un Consiglio regionale straordinario sul tema, finalizzato a definire le priorità. Che per noi, ribadiamo ancora una volta, sono in assoluto sia l’adeguamento della S.P. ex S.S. 175 Matera-Metaponto che della S.S. 7 Matera-Ferrandina.”

Lo dichiara il Consigliere Regionale Luca Braia, capogruppo Italia Viva.

“Sono troppe le nostre arterie stradali  - prosegue Luca Braia - che necessitano di adeguamenti o raddoppi di carreggiata e messa in sicurezza, specie quelle che collegano alle zone turistiche e a quelle di interesse economico come la costa Ionica del Metapontino, Matera e la Murgia Materana, con il resto della Regione e con le Regioni limitrofe.

Sappiamo quanto il Governo Draghi sia attento e operativo, sulle infrastrutture sono state destinate risorse imponenti: ben 4,6 miliardi destinati a recuperare il deficit tra le varie regioni e, in particolare, tra il Nord e il Sud. Doveroso, pertanto, da parte della Regione Basilicata, oggi, fornire al Governo nazionale tutti gli elementi che poi confluiranno nel decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri dove saranno stabiliti i criteri di priorità e le azioni da mettere in campo per il recupero  del divario infrastrutturale e di sviluppo, delle carenze  nella viabilità e nella mobilità,  anche e soprattutto dei territori del Mezzogiorno.

Ora si deve avviare immediatamente quanto previsto dal Decreto, convocando un Consiglio regionale straordinario - conclude il consigliere Braia - prima di inviare, entro il 30 novembre prossimo, qualsiasi atto al Governo, al fine di condividere i criteri e le modalità della ricognizione da effettuarsi, oltre che delle opere in grado anche di generare economia e sviluppo territoriale. Con la mozione si chiede anche l’impegno a considerare quali assolute priorità, gli interventi legati al raddoppio o messa in sicurezza della S.P. 3 ex S.S.175, divenuto ormai irrinunciabile, e a velocizzare, a partire dalla progettazione, l’iter attuativo degli interventi previsti per il collegamento Murgia-Pollino con particolare riferimento al tratto Matera-Ferrandina-Pisticci.”