aaaa.gif
Giuseppe MaiuriNegli anni ed a più riprese abbiamo sollevato questioni, sollecitato attività, spronato gli uffici e funto da pungolo nei confronti di sindaco e Giunta.
Da mesi però, e più precisamente dalla seconda sfiducia al Sindaco Mascia, abbiamo desistito. Ci siamo resi conto essere davvero come sparare sulla croce rossa, abbiamo definitivamente abbandonato le speranze che le cose potessero cambiare.
Gli innesti in Giunta dei tre tecnici, Pelazza, Agresti e Dragonetti, invero, hanno giovato a ridare un certo impulso all’attività di gestione nonché posto fine alla cronica litigiosità dei politicamente ambiziosi. Almeno per qualche mese.
Policoro, sebbene alle porte di una nuova stagione amministrativa, sta di nuovo attraversando l’ennesimo periodo buio a tutto svantaggio della comunità e dei suoi contribuenti.
Il servizio gestione rifiuti –in proroga ormai dal Novembre 2018- ha trovato un nuovo scoglio: L’ennesimo ricorso per revocazione dinnanzi al Consiglio di Stato. Il nuovo servizio di gestione rifiuti, tanto sbandierato dallo scorso Aprile, rimane ancora gestito con ordini di servizio.
Il servizio legale, scaduto in data 16/12/2021, è stato prima oggetto di richiesta di offerta per nuovo affidamento, poi revocato in autotutela e poi ancora di incarichi direttamente affidati senza alcuna procedura comparativa o altri criteri di trasparenza.
Manca ad oggi il Dirigente del I Settore amministrativo. Questo comporta che diversi provvedimenti non possono essere portati a compimento. Le stesse misure di solidarietà alimentare e di sostegno alle famiglie bisognose, previste per il periodo natalizio, non sono ancora state erogate. Si rischia di arrivare a Carnevale per erogare i buoni spesa Natalizi e se così dovesse andare a finire davvero dovranno mettersi una maschera per nascondersi.
Relativamente al problema ospedale, poi, vi è chi si gira nettamente dall’altra parte per negligenza o per voler difendere l’indifendibile. E infatti, mentre diversi comuni –limitrofi e non- hanno ormai deliberato, chi in giunta chi addirittura in consiglio, il documento avente ad oggetto “Vertenza ospedale di Policoro” né Mascia (Sindaco) né Mitidieri (presidente del Consiglio) sembrano prendere sul serio la questione.
Dulcis in fundo: siamo senza Segretario Generale. Questo comporta una vera e propria paralisi dell’Ente, con inevitabili ripercussioni negative sulla qualità non solo dei servizi, dei costi e della trasparenza, ma anche nelle stesse funzioni del Comune che non potrà tenere il Consiglio comunale né firmare atti di una certa rilevanza, né infine bandire gare d’appalto.
In tutto questo scenario, drammatico e tragicomico allo stesso tempo, i Dirigenti non rispondono nemmeno più alle interrogazioni ed istanze consiliari, snobbando di fatto anche gli stessi solleciti del sindaco, proprio perché manca la figura chiave chiamata a sovraintendere alle figure dirigenziali ed al loro coordinamento.

Speriamo che il futuro possa riservare a Policoro un’amministrazione nuova, fatta di persone perbene e capaci, perché gli ultimi anni, per molti versi, l’hanno scaraventata davvero in basso.

Giuseppe MAIURI
Capogruppo Consiliare “Policoro Futura”