Celebrato a Matera il 169° anniversario della fondazione della Polizia

0
0
0
s2sdefault
Categoria: news Visite: 189

 169._Anniversario_fondazone_Polizia.jpg

Ricordata la Legge 121/81 che ha riformato la Pubblica Sicurezza, di cui quest’anno ricorre il quarantennale

Si è celebrato a Matera il 169° anniversario della fondazione della Polizia. A causa dell’emergenza sanitaria in corso, la cerimonia si è svolta nel cortile interno della Questura ed è stata improntata alla massima sobrietà, nel rispetto delle misure vigenti tese a contrastare il diffondersi dell’epidemia.

Alle ore 10, il Questore Eliseo Nicolì, accompagnato dal Vice Prefetto Vicario della provincia di Matera, alla sola presenza delle Autorità civili, militari e religiose e di una rappresentanza dell’ANPS – Associazione Nazionale della Polizia di Stato, ha deposto una corona di alloro in memoria dei caduti della Polizia dello Stato al cippo commemorativo situato nel cortile. Oggi vogliamo ricordare i caduti, ma anche tutte le donne e gli uomini colpiti dal virus.

È seguito un momento liturgico di preghiera officiato dall’Arcivescovo della Diocesi di Matera – Irsina Mons. Giuseppe Caiazzo.

Sono poi stati letti i messaggi del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, del Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese e del Capo della Polizia – Direttore Generale della Pubblica Sicurezza Prefetto Lamberto Giannini.

Il Questore ha quindi salutato i presenti intervenuti, ricordando che questo anniversario coincide con il 40° della riforma dell’Amministrazione della Pubblica Sicurezza varata con la Legge 121 del 1° aprile 1981, in gran parte dovuta al Prefetto Carlo Mosca venuto a mancare solo pochi giorni fa. Una riforma che ha dato una nuova veste alla Polizia, rendendola più moderna, con forte connotazione civile e che, tra le altre cose, ha posto le basi per il coordinamento delle Forze di polizia e ha riconsiderato il ruolo della donna nell’istituzione riconoscendole pari opportunità di accesso e di carriera.

Si evidenzia che per suggellare l’importanza della odierna ricorrenza, il Presidente della Repubblica ha insignito la bandiera della Polizia di Stato della medaglia d’oro al merito civile, per il contributo assicurato per la coesione del Paese, la tutela delle libertà fondamentali, la salvezza delle Istituzioni democratiche, assicurando i presupposti per il benessere collettivo.

Il Questore, nel ringraziare in maniera particolare l’operato di tutte le donne e degli uomini in servizio in questa provincia, che non si sono risparmiati in questo anno così difficile anche a rischio della propria salute, ha sottolineato la grande sinergia operativa esistente con tutte le altre Forze dell’Ordine.

Infine, ha voluto ricordare due episodi che evidenziano un grande valore etico e sociale verificatisi in questo capoluogo: un giovane immigrato dal Mali che è intervenuto bloccando uno degli autori di uno scippo, consentendone il suo arresto e quello del complice da parte degli agenti della volante; un altro giovane immigrato, nigeriano, che ha rinvenuto e riportato in Questura un portafogli contenente denaro, valori e documenti, riscuotendo il plauso unanime e la gratitudine del proprietario.

Si allegano:

- copia del discorso pronunciato dal Questore Eliseo Nicolì

- i risultati dell’attività svolta dalla Polizia di Stato nella provincia di Matera.

DISCORSO DEL QUESTORE ELISEO NICOLI’

Nel rivolgere il mio saluto, ringrazio il Sig. Vice Prefetto Vicario, S.E. l’Arcivescovo di Matera, il Sig. Sindaco e il Sig. Presidente della Provincia, tutte le Autorità e le personalità civili, religiose e militari qui intervenute nella ricorrenza del 169° Anniversario della fondazione della Polizia di Stato.
Rivolgo il mio saluto al Sig. Prefetto di Matera che mi ha espresso tutto il suo rammarico perché imprescindibili ragioni private gli hanno impedito di essere qui.
Una ricorrenza, questa, che le contingenze sanitarie obbligano a celebrare in tono minore, ma senza trascurare il pensiero e il tributo a quanti hanno dato la vita nell’adempimento del dovere.
Un anniversario tuttavia importante perché coincide con il 40° della Riforma dell’Amministrazione della Pubblica Sicurezza varata con la Legge 121 del 1° aprile 1981, in gran parte dovuta al Prefetto Carlo Mosca venuto a mancare solo pochi giorni fa.
Una riforma che ha dato una nuova veste alla Polizia e ne ha riscritto, in senso democratico, i valori per dare i natali ad una Forza di polizia ad ordinamento civile in cui si fondono le tre diverse componenti della sicurezza che facevano capo al Ministero dell’Interno:
Funzionari di Pubblica Sicurezza, Guardie di Pubblica Sicurezza e Polizia Femminile;
ha posto le basi per il coordinamento delle Forze di Polizia;
ha distinto i ruoli e gli ambiti delle Autorità di pubblica sicurezza ad ogni livello;
ha riconosciuto alle donne pari opportunità di accesso e di carriera;
e, riconoscendo i diritti sindacali al personale, ha conferito all’Istituzione trasparenza e democrazia interna.
Proprio le rappresentanze sindacali hanno saputo interpretare un ruolo imprescindibile, favorendo la crescita della sensibilità di questa Amministrazione al mutare del pubblico sentimento, agendo da giusto stimolo per mantenerla al passo con i tempi.
Per questa ragione ringrazio le OO.SS. del personale di Polizia e dei ruoli civili qui oggi rappresentati dalle segreterie provinciali, con le quali si è sempre sviluppato un confronto utile, costruttivo e rispettoso.
Come è uso, la Festa della Polizia offre l’occasione per riflettere su un anno di attività e tracciare un bilancio dei risultati conseguiti; non mi attarderò, e non vi annoierò, con l’elencazione di dati e cifre che sono analiticamente esposti nel comunicato consegnato alla stampa, mi limito a ricordare quanto il 2020 sia stato condizionato dalla pandemia da Covid-19, che ha imposto rigide regole organizzative interne per preservare la funzionalità degli uffici e che ha richiesto lo sforzo e l’impegno di tutte le componenti della Polizia di Stato, insieme alle altre Forze di polizia, per far fronte, oltre alla consueta attività di controllo del territorio, di polizia giudiziaria ed amministrativa, anche agli innumerevoli servizi tesi a garantire il rispetto di regole, tanto dure e restrittive, quanto necessarie per arginare la diffusione dell’epidemia, anche a rischio della propria salute.
Per questo il mio particolare ringraziamento va alle donne e agli uomini della Polizia di Stato in servizio in questa provincia ed alle altre Forze di polizia che non hanno mai fatto mancare collaborazione e appoggio.
Due episodi, però, mi piace ricordare per il loro alto valore etico e sociale:
9 dicembre 2020, un giovane immigrato del Mali, attirato dalle invocazioni di aiuto di una ragazza alla quale era stata rubata la borsa, interveniva bloccando uno degli autori dello scippo, consentendone l’arresto da parte degli agenti della Volante subito intervenuti e che, al termine di rapide indagini, riuscivano ad assicurare alla giustizia anche il complice.
25 gennaio 2021, un altro giovane immigrato, questa volta nigeriano, rinveniva in questa via Nazionale un portafogli – contenente denaro, valori e documenti – che consegnava in Questura, riscuotendo oltre al plauso unanime, la gratitudine del proprietario.
Nel corso dell’anno, il Dipartimento della P.S. ha attribuito al personale in servizio nella provincia di Matera i seguenti riconoscimenti per il particolare valore dimostrato in occasioni di servizio:
n.1 promozione per meriti straordinari;
n.2 encomi solenni;
n.20 encomi;
n.27 lodi, i cui diplomi saranno consegnati al personale nel corso di una cerimonia appositamente organizzata non appena le condizioni sanitarie lo consentiranno.
Ringrazio ancora tutti per la pazienza usatami e con questo concludo con l’avvertenza che quest’anno ai discorsi non seguirà il solito rinfresco: abbiamo infatti preferito devolvere il tutto a un’istituzione benefica perché rappresenti una piccola goccia nel mare del bisogno tanto acuito dalla crisi in atto.
E chiudo, questa volta davvero, col motto della Festa “Esserci Sempre” che quest’anno, alla luce del ruolo e del particolare indirizzo imposto al controllo del territorio dalle misure di contrasto alla pandemia, esprime appieno tutto il suo significato.
VIVA LA POLIZIA DI STATO!

 

I RISULTATI DELLA POLIZIA DI STATO NELLA PROVINCIA DI MATERA DAL 1/4/2020 AL 5/4/2021

L’attività svolta dalla Polizia di Stato, nel periodo di riferimento, è stata fortemente condizionata dall’emergenza pandemica da Covid-19.
È stato un anno particolarmente difficile, in cui, oltre ad assicurare i servizi per la prevenzione e il contrasto ad ogni forma di illegalità, la Polizia di Stato è stata notevolmente impegnata per far rispettare i provvedimenti emanati per contenere la diffusione del contagio, per prestare aiuto e soccorso e per essere di supporto a chi lo avesse richiesto, rispondendo appieno al motto “esserci sempre”.
Per garantire la tutela della salute pubblica, con il coordinamento della Prefettura e con il coinvolgimento di tutte le altre Forze di Polizia, della Polizia provinciale e delle Polizie locali, e degli equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine, sono stati pianificati innumerevoli servizi in ambito provinciale finalizzati a verificare il rispetto delle regole anti-Covid, ma soprattutto a sensibilizzare la comunità ad adottare comportamenti responsabili.
Particolari controlli sono stati approntati in occasione delle festività natalizie e pasquali, quando le limitazioni per gli spostamenti sono stati più stringenti, nonché per le “zone rosse” istituite in alcuni Comuni della provincia per l’evoluzione epidemiologica colà registrata. Da fine dicembre scorso, frequenti sono invece i servizi di scorta effettuati per la distribuzione dei vaccini in questo territorio.
Specifici servizi sono stati inoltre pianificati per le varie manifestazioni statiche, promosse dalle associazioni di categoria o dalle sigle sindacali, per sensibilizzare le Istituzioni sulle gravi problematiche che il mondo del lavoro sta attraversando in questo particolare momento travagliato.
Servizi di ordine e sicurezza pubblica, con l’ausilio dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, sono stati altresì attuati nel mese di luglio, agosto, e dicembre, in occasione della permanenza di migranti presso alcuni Centri di accoglienza presenti in provincia.

Notevole impegno per l’ordine pubblico è stato richiesto in occasione della consultazione referendaria e amministrativa per il rinnovo del Consiglio Comunale in questo capoluogo e in altri 8 Comuni della provincia, che si è svolta nel mese di settembre; il 4 e 5 ottobre, qui a Matera, si è poi proceduto anche al turno di ballottaggio per l’elezione del Sindaco.

Nei primi di ottobre 2020, la 103^ edizione del tradizionale “Giro ciclistico d’Italia” ha interessato la nostra provincia per la 6° tappa (Castrovillari - Matera) e per la 7^ tappa (Matera - Brindisi). Considerando l’emergenza pandemica, l’attenzione per l’ordine e la sicurezza pubblica è stata particolarmente alta.

Nel mese di marzo 2021, con il coordinamento della Prefettura, la Polizia di Stato, in collaborazione con le altre Forze dell’Ordine, è stata fortemente impegnata su Scanzano Jonico per l’abbattimento di alcune opere abusive riconducibili al noto boss Schettino Gerardo, con grande affermazione dello Stato in quel territorio.

Si riportano di seguito i dati relativi all’attività svolta dalla Polizia di Stato.

 

Servizi di ordine pubblico 291

Servizi di controllo del territorio
Pattuglie impiegate 7.464
Veicoli controllati 40.710
Persone controllate 68.499
Soccorsi prestati 1.421

dei quali dedicati all’attuazione delle misure anti Covid-19
Veicoli controllati 28.237
Persone controllate 63.568
Persone sanzionate per inosservanza dei
provvedimenti Anti-Covid 394
Persone denunciate ex art.650 c.p. e per altri reati 85
Esercizi controllati 1.665
Titolari esercizi sanzionati 5
Esercizi sottoposti a chiusura provvisoria 2

Servizi di controllo anti Covid-19 riferiti al periodo dal 3 al 5 aprile 2021
Pattuglie impiegate 55
Veicoli controllati 443
Persone controllate 868
Persone sanzionate per inosservanza dei
provvedimenti anti-Covid 12
Esercizi controllati 2

Nel corso del periodo di riferimento, rinnovato impulso è stato conferito all’azione di prevenzione e di contrasto dei reati in genere, sia mediante un’intensificazione dei servizi di controllo del territorio, sia attraverso accurate indagini, che hanno assicurato alla giustizia autori di delitti di vario genere.

Arresti e denunce
Persone arrestate 136
Persone denunciate in stato di libertà 626

Sequestri sostanze stupefacenti
cocaina g. 518,05
eroina g. 123,59
hashish g. 751,89
marijuana g. 263,3
piante di marijuana n. 157
canapa indiana g. 14
droghe sintetiche (ketamina, metanfetamine) g. 6,6

Altri sequestri
pistole 7
fucili 9
cartucce 429
coltelli 4
tirapugni 1

Polizia di prevenzione
Persone sottoposte alla sorveglianza speciale 3
Persone sottoposte ad avviso orale 42
Persone sottoposte a rimpatri con F.V.O. 42
Ammonimenti per stalking 2
Controlli a persone sottoposte a misure cautelari, alternative e di prevenzione (detenzione domiciliare, affidamento in prova ai Servizi Sociali, arresti domiciliari, sorvegliati speciali, libertà vigilata)
10.494

Polizia Scientifica
Interventi per sopralluoghi tecnici 114
Persone sottoposte a rilievi foto-dattiloscopici 1.064
Assunzione campioni biologici (D.N.A.) 13
Analisi speditive di sostanze stupefacenti 110
Servizi di O.P. con riprese video 58

Ufficio Minori
Istruzione pratiche di adozione e/o affidamento 12
Indagini delegate dall’Autorità Giudiziaria minorile 2
Ispezioni comunità per minorenni 17

 

È proseguita l’attività degli uffici che in Questura e nei Commissariati svolgono funzioni amministrative:

Polizia Amministrativa
Sanzioni amministrative 20
Persone denunciate all’A.G. 13
Controlli amministrativi (su esercizi pubblici, attività commerciali, guide turistiche, circoli ricreativi, agenzie di affari, etc.)
38

Ufficio Immigrazione
Permessi di soggiorno rilasciati/rinnovati 2.330
Richiedenti protezione internazionale 121
Stranieri espulsi 37
di cui con accompagnamento al CPR 4

 

Ufficio Passaporti
Passaporti rilasciati 685
Dichiarazione accompagnamento minori 9

Ufficio Armi
Porti di fucile rilasciati/rinnovati 591

Ufficio Licenze
Dinieghi e revoche licenze porti di fucile 19
Rilascio licenze raccolta scommesse 3
Rilascio licenze commercio oggetti preziosi 2
Vendita/noleggio video 10

 

I risultati specifici delle cosiddette specialità della Polizia di Stato:

POLIZIA STRADALE
Pattuglie impiegate 1.813
Veicoli controllati 8.265
Persone controllate 8.848
Infrazioni al C.d.S. rilevate 3.698
Patenti ritirate 92
Carte di circolazione ritirate 51
Punti patente decurtati 4.416
Soccorsi prestati 160

POLIZIA FERROVIARIA METAPONTO
Servizi scorta ai treni 145
Vigilanza in stazione - pattuglie 443
Persone arrestate 2
Persone denunce a piede libero 1
Persone segnalate al Prefetto per stupefacenti 13

POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI
Persone denunciate 16
Denunce ricevute per truffa 33, frode informatica 16, accesso abusivo 22, diffamazione 4, indebito utilizzo di carte di credito 26, sostituzione di persona 4, adescamento di minori 1, molestie online 3, estorsione 1
110

 

Nell’ambito dell’azione di prevenzione e di contrasto dei reati in genere, particolare attenzione è stata dedicata alla tutela delle fasce deboli e delle vittime di violenza di genere, soprattutto donne, che ha comportato numerose denunce e anche arresti in flagranza di reato o in esecuzione di misure cautelari disposte dall’Autorità giudiziaria. È proseguita la campagna di sensibilizzazione permanente “Questo non è amore…” realizzata tramite apposite iniziative finalizzate a informare sugli strumenti di tutela a disposizione delle vittime per chiedere aiuto (vedasi l’App You Pol).

Innumerevoli sono state infine le iniziative di educazione alla legalità.
In maniera particolare si ricorda la collaborazione consolidata con gli istituti scolastici attraverso il progetto concorso “PretenDiamo Legalità”, tuttora in corso, che ha visto nella sua prima fase una serie di incontri a distanza su piattaforma informatica, realizzati lo scorso mese di marzo, con studenti di numerose scuole di ogni ordine e grado di Matera e provincia, per un totale di oltre mille ragazzi e ragazze. Funzionari della Polizia di Stato si sono confrontati con gli studenti su temi particolarmente sentiti che vanno dal bullismo e cyberbullismo al corretto utilizzo di internet e dei social, dall’educazione stradale alle varie forme di discriminazione, dall’uso e abuso di sostanze stupefacenti alla lotta al terrorismo e alla criminalità organizzata.

 

Si rammentano, infine, alcune significative operazioni di polizia giudiziaria svolte nel periodo di riferimento.

20 Maggio 2020
A seguito delle indagini della Squadra Mobile materana, vengono arrestati un uomo e una donna di Bari in quanto responsabili di diversi furti aggravati commessi con destrezza, in danno di esercizi commerciali, tra maggio e settembre 2019.

8 Giugno
Gli agenti della Volante intervengono per soccorrere un 84enne trovato riverso per terra sotto la pioggia battente davanti all’edificio dove abita. La vittima è soccorsa e trasportata in ospedale dove è ricoverata per la frattura del bacino e di una vertebra lombare, riportando una prognosi di 40 giorni. Dalle indagini esperite nell’immediatezza, gli agenti individuano l’aggressore in un vicino di casa 55enne, pregiudicato, che viene arrestato in flagranza di reato e sottoposto ai domiciliari. Il 23 novembre, a seguito del decesso del malcapitato a causa delle lesione procurate, il Gip del Tribunale di Matera emette nei suoi confronti ordinanza applicativa della misura degli arresti domiciliari per omicidio preterintenzionale.

24 Giugno
Emesso dalla Procura della Repubblica di Matera l’avviso di conclusione delle indagini a carico di 24 persone, residenti a Matera, nella provincia di Bari e di Pordenone), per traffico d’armi, droga, furto, truffa, ricettazione e altro. Gli investigatori della Squadra Mobile materana riescono a scoprire un fiorente traffico di armi e droga provenienti dalla vicina Puglia. Nel corso dell’attività vengono eseguite numerose perquisizioni e sequestri. Sequestrate tra le altre cose 9 pistole clandestine di diverso calibro e marca e centinaia di munizioni; per il possesso di tali armi 9 persone sono arrestate in flagranza di reato.

1 Luglio
Operazione “Paride”. Eseguite 29 ordinanze di custodia cautelare, di cui 8 in carcere, 11 agli arresti domiciliari e 10 dell’obbligo di dimora nei confronti di vari soggetti, tra cui elementi di spicco della criminalità organizzata operanti nel materano, ritenuti responsabili a vario titolo di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti e di altri gravi delitti. Le misure che interessano i territori di Matera, Bernalda, Policoro, Montescaglioso, Scanzano Jonico, Pisticci, Altamura (BA), Manduria (TA), Eboli (SA), vengono eseguite unitamente a 42 provvedimenti di perquisizione personale e domiciliare, nel corso delle quali sono sequestrati all’incirca 32 mila euro in contanti, oltre a droga e strumenti per il confezionamento della stessa. Operazione condotta dalla Squadra Mobile di Matera unitamente a quella di Potenza.

13 Luglio
A seguito delle indagini svolte congiuntamente da Squadra Mobile e Commissariato di Pisticci, viene arrestata una 26enne di Marconia per l’omicidio del proprio nonno Lopatriello Carlantonio di anni 91, avvenuto nell’abitazione della vittima a Marconia il 7 gennaio.

14 Luglio
Gli agenti del Commissariato di P.S. di Pisticci arrestano a Bernalda due malviventi, responsabili di rapina a mano armata in un supermercato; la somma rapinata viene recuperata.

25 Agosto
Gli agenti della Squadra Mobile catturano a Solofra (AV) un noto pluripregiudicato materano, ricercato per l’esecuzione di una sentenza definitiva di condanna per il reato di rapina pluriaggravata alla reclusione di anni 4 e mesi 10.

11 Settembre
Rapidissime indagini della Squadra Mobile e del Commissariato di P.S. di Pisticci portano all’arresto di quattro giovani di Pisticci, su disposizione del G.I.P del Tribunale di Matera, a seguito della violenza sessuale commessa ai danni di due ragazze minorenni, di nazionalità britannica, avvenuta nella notte tra il 7 e l’8 settembre nel giardino di una villa a Marconia ove si stava tenendo una festa privata.
Il 21 ottobre successivo, a seguito delle ulteriori indagini, per il medesimo fatto, sono arrestati altri 4 giovani di Pisticci, su disposizione della suindicata Autorità giudiziaria.

 

9 Dicembre
Personale della Squadra Volante e della Squadra Mobile, grazie anche all’intervento di un giovane immigrato del Mali, arresta due minorenni, 17 e 16 anni, per aver commesso in una via centrale del capoluogo, un furto con strappo ai danni di una ragazza.
Emerge che i due ragazzi avevano pianificato lo scippo per emulare il gesto di un cantante trapper, autore di un video che circola sul canale YouTube in cui mostra “le regole” per compiere uno scippo.

23 Dicembre
Dopo un inseguimento per le vie di Matera, personale della Squadra Volante e della Squadra Mobile riesce a bloccare la fuga su un’Audi A6, risultata rubata, di due pregiudicati responsabili di diversi furti in questo capoluogo e nel territorio del potentino. Uno dei due malviventi, un pluripregiudicato albanese di 37 anni residente nel napoletano, è arrestato.

30 Dicembre
Esecuzione dell’ordinanza applicativa della custodia cautelare in carcere nei confronti di due soggetti residenti a Napoli, per tre truffe consumate e due tentate nei confronti di anziani residenti a Matera, commesse tra il mese di Ottobre e Novembre 2019, per importi che variavano dai 500 ai 5000 euro.

25 Febbraio 2021
Gli agenti della Squadra Mobile e della Squadra Volante arrestano un pluripregiudicato 44enne materano per maltrattamenti in famiglia e sequestro di persona in danno della sua compagna, aggravati dallo stato di gravidanza della donna e perché commessi in presenza della figlia minore e con l’uso di armi.

16 Marzo
Gli agenti della Squadra Mobile notificano l’Avviso di conclusione delle indagini preliminari nei confronti di 5 pregiudicati foggiani, resisi responsabili dei reati di furti di mezzi d’opera, di mezzi di trasporto e ricettazione, avvenuti a Matera, Scanzano Jonico e in provincia di Pescara tra maggio e giugno 2019.

31 Marzo
Un 57enne materano è arrestato dalla Polizia di Stato in esecuzione dell’ordinanza della misura cautelare in carcere, disposta dal Gip del Tribunale di Matera, perché accusato di aver commesso violenza sessuale aggravata e continuata nei confronti di una 14enne nel corso di sedute di fisioterapia. L’indagine della Squadra Mobile è scattata dopo una telefonata inoltrata dalla ragazza a “Telefono Azzurro”.