Nessuna immagine

AZIONE_POLICORO.jpg

Il circolo di Policoro in Azione, tramite il proprio referente Francesco Cirigliano ed il consigliere comunale Vincenzo Ligorio, chiede maggiore attenzione, attraverso politiche mirate, per gli anziani della Città.

"Come ben sappiamo - dichiarano Cirigliano e Ligorio - la terza età è una delle fasi più delicate per un essere umano. La pandemia di questi anni ha acuito e messo a dura prova, impedendo le normali relazioni sociali, la stabilità psichica e sociale dei nostri anziani".

"In un recente incontro avuto con l’assessore alle politiche sociali della città - continuano Cirigliano e Ligorio- il circolo di Policoro in Azione, con i suoi rappresentanti, ha chiesto di attivare ed investire su politiche di invecchiamento attivo che avrebbero ricadute sul benessere fisico e psichico e quindi su una maggiore qualità e soddisfazione della vita dei nostri concittadini. Chiediamo quindi che si attuino azioni di coinvolgimento in ambiti come il volontariato e l’associazionismo, al fine di garantire una vita sociale attiva per prevenire l’isolamento e l’emarginazione, diffondendo un corretto stile di vita anche attraverso l’educazione motoria magari con protocolli con l’azienda sanitaria, promuovere relazioni intergenerazionali attraverso attività ricreative e culturali cercando di ampliare il senso di appartenenza ad una comunità. A tal fine abbiamo chiesto all’assessore di individuare spazi di condivisione e aggregazione per i nostri anziani, dove poter avere momenti di giovialità e dove cercare di arginare la solitudine.

"Il dovuto impegno in tal senso - concludono i due esponenti di Azione - sarebbe anche la giusta riconoscenza a coloro che, dopo tutto il lavoro svolto in questi anni attraverso la loro dedizione, hanno fatto in modo che la nostra Policoro sia diventata tra le più importanti realtà della nostra Regione. Inoltre, abbiamo chiesto all’assessore di farsi portavoce con il suo omologo in Regione Basilicata, chiedendo di impegnare risorse su questo capitolo, così come fatto in passato con la legge regionale 29/2017, distribuendo risorse per l’attuazione di quanto detto".