v.gif

 GDF_SEQUESTRATE_27_SLOT_MACHINE._SEGNALATI_ALLE_AUTORITA_COMPETENTI_3_RESPONSABILI.jpg

Sono 27 i congegni da divertimento e intrattenimento, tipo slot machine, sequestrati dalla Guardia di Finanza di Taranto, con la segnalazione alle Autorità competenti di 3 responsabili.

Questo è il bilancio di una serie di controlli condotti nei giorni scorsi dalle Fiamme Gialle del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria e del Gruppo di Taranto a contrasto del gioco illegale e irregolare.

Nel dettaglio, nel corso dell’attività di controllo economico del territorio, che ha riguardato circoli ricreativi ubicati nel capoluogo di provincia, i Finanzieri jonici hanno scoperto e sequestrato 27 slot machine, risultate non collegate alla rete telematica dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, nonché denaro contante profitto del gioco illegale. In un caso è stato, peraltro, verificato che la sala giochi controllata era allacciata abusivamente alla rete elettrica.

Per tali illeciti, le Fiamme Gialle hanno, pertanto, segnalato alle competenti Autorità 3 responsabili.

Sono in corso di svolgimento ulteriori approfondimenti, di natura fiscale, volti ad accertare - da parte delle associazioni ispezionate - il regolare versamento all’Amministrazione Finanziaria del cosiddetto “Prelievo Unico Erariale”, tributo commisurato alle somme “giocate” e registrate sui contatori delle macchine.

Nel settore del gioco pubblico la Guardia di Finanza tutela i giocatori da proposte di gioco illegali, insicure e prive di alcuna garanzia, salvaguardando le fasce più deboli, prime fra tutte i minori.