GREENACT1.gif

I bambini di Chernobyl, protagonisti del progetto dell’ Associazione “Insieme nella solidarieta’” di Sant’ Angelo Le Fratte (Potenza), sono giunti, anche quest’ anno, in Basilicata, ospiti di famiglie lucane. I trenta bimbi bielorussi, dopo essere atterrati all’ aeroporto romano di Fiumicino, sono stati accolti dai militari dell’ esercito, i quali li hanno accompagnati, con un autobus del reggimento logistico della Brigata Bersaglieri, fino in Basilicata, a Pisticci, per una vacanza che terminerà il 17 agosto. Il progetto dura da oltre dieci anni ed ha la finalità di tutelare la salute di questi bambini dalle conseguenze dello scoppio della centrale di Chernobyl, il più grande disastro nucleare che la storia ricordi. A rendere noti i dettagli dell’ operazione il Comando Militare dell’ Esercito in “Basilicata”, che ha consentito il trasferimento, autorizzato dallo Stato Maggiore dell’ Esercito. A tal proposito il Colonello Lucio Di Biasio, sottolineando lo stupore dei bambini che hanno visto per la prima volta il mare, ha, altresì, aggiunto come i piccoli turisti stiano trascorrendo le loro vacanze all’ insegna dell’ allegria e del divertimento, in un ambiente familiare, circondati dall’ affetto di accompagnatori e militari del Comando di Basilicata.
Antonella Domenica Gatto