Nessuna immagine

Il fiore azzurro foto di Michela Cerini.jpg

Sarà “Il fiore azzurro” della compagnia Burambò, di e con Daria Paoletta, spettacolo vincitore di Inbox verde e menzione speciale Festebà 2017, ad inaugurare domenica 28 Ottobre il primo movimento della stagione domenicale per famiglie “L’albero delle storie” 2018/2019, a cura del Teatro delle Forche.
Spettacolo di figura e narrazione per attrice e pupazzo. Costruzione del pupazzo Raffaele Scarimboli. Consulenza artistica Nicola Masciullo.
Sipario ore 18.00, Teatro Comunale di Massafra (Piazza Garibaldi).
Info e prenotazioni: www.teatrodelleforche.com; 0998801932/3497291060. Ticket d’ingresso 5 euro. Si consiglia di prenotare dato il numero limitato di posti.
“Una narratrice e un pupazzo.
Una scena essenziale, due cubi di legno e una pedana per dare inizio ad un viaggio.
Un viaggio attraverso la storia di un popolo, quello tzigano, attraverso l’accettazione del diverso, il superamento delle avversità della vita, l’amicizia e la capacità di immaginare che il proprio destino non sia scritto ma è in continuo cambiamento.
L'attrice Daria Paoletta riscrive la storia appartenente alla tradizione zigana, dal titolo ‘Il fiore azzurro’.
In scena con lei un pupazzo con il quale dà vita al dialogo tra le due parti: il teatro di figura e la tecnica della narrazione.
Tzigo, questo il nome del protagonista della storia, è una figura in gommapiuma scolpita da Raffaele Scarimboli, che decide di mettersi in cammino sulla strada 'alla ricerca della fortuna e della felicità'.
Un viaggio iniziatico, dove l'andare di Tzigo corrisponde ad una ricerca identitaria. La narratrice è per Tzigo un'amica, una compagna, una spalla su cui piangere e, al tempo stesso, colei che disegna per lui gli spazi, attraverso un utilizzo sapiente della sua voce e del suo corpo d'attrice.


Tzigo dal bosco si ritrova a casa della strega, dalla tomba della sua mamma alla caverna dei nanetti. L'eroe di questa storia popolare descrive l'antico andare, quello dei passi lenti, attraversando le stagioni, incontrando aiutanti magici, l'alternarsi del giorno e della notte, e tutto ciò crea il tempo necessario in cui si favorisce la crescita...”.
La stagione domenicale “L’albero delle storie” proseguirà con: “Il principe e il povero” della Compagnia Granteatrino l’11 Novembre; “Gli occhiali di Caterina” di Astragali Teatro il 25 Novembre; “Alice” del Teatro delle Forche il 2 Dicembre.
Un’ora prima degli spettacoli, alle ore 17.00, su prenotazione, “Favole e merenda”, laboratorio gratuito di lettura creativa per famiglie, nella Biblioteca comunale dei piccoli “Favolandia”.
Gli eventi rientrano in “P.A.S.S.I.” (Progetto, Arte, Spettacolo, Scoperta e Innovazione nella Terra delle Gravine), progetto artistico triennale 2017/19 a cura del Teatro delle Forche, in ordine all’avviso pubblico per iniziative progettuali riguardanti lo spettacolo dal vivo e le residenze artistiche – Patto per la Puglia – FSC 2014/2020 – Area di intervento “Turismo, cultura e valorizzazione delle risorse naturali”.