Nessuna immagine

WhatsApp_Image_2024-04-11_at_12.14.55.jpegWhatsApp_Image_2024-04-11_at_12.14.57.jpeg

WhatsApp_Image_2024-04-11_at_12.14.571.jpegWhatsApp_Image_2024-04-11_at_12.14.572.jpeg

Una trasferta molto positiva quella svoltasi lo scorso weekend presso il centro sport equestri di Altamura (BA). Ben 10 gli atleti dell'FM Equestrian Club di Policoro che hanno preso parte a questo evento. Alla loro prima esperienza nel circuito nazionale, Simona Maria Lauria e Giusy Tola che hanno montato Lady sue 7 nella categoria L60 entrambe classificate 1° ex aequo. In continua crescita il piccolo e grintoso Vincenzo Stigliano, che in sella al suo Cappuccino porta a casa due percorsi netti nella categoria LB80, classificandosi anche lui al 1° posto nella giornata di sabato. Prove molto positive anche per Anna Errico e la sua giovanissima Terra dei Dioscuri, che portano a casa un bel percorso netto nella categoria B100 di domenica. In crescita il binomio freschissimo composto da Angela Chiara Posa e il suo Qastaar Van De Ceulshaegen, che hanno affrontato buone prove nelle categorie B110 e C115. Un buon piazzamento anche per il Maresciallo della Guardia di Finanza Grazia Gualano, che in sella ad Argento di Sabuci ottengono la 2° posizione della C115 del sabato con oltre 30 partenti. Una vittoria venerdì e un 5°posto in C120 anche per l'amazzone Francesca Scardino che ha montato Java. Buone prove anche per la neo entrata nel gruppo Teresangela Vicenti e il suo Casino Cosmos. Gare molto positive quelle di Giulia Maria Savaglio ed Harpo-M che ottengono una 3° posizione nella difficile C125 del sabato. Per concludere colui che ha dato vita a tutto questo, Filippo Melidoro, istruttore e proprietario dell’FM EQUESTRIAN CLUB che, in sella ad Ogano Spring, cavallo italiano di soli 8 anni, ha conquistato la vetta più alta del podio per tre giorni consecutivi, vincendo, domenica, il Gran Premio C135 a due maches.
Si può dire che l’FM EQUESTRIAN CLUB sta viaggiando sul binario della positività e che questi risultati, sudati e ricercati da ciascuno degli allievi, siano fonte di ispirazione per i giovani atleti che si stanno affacciando al mondo delle gare.