aaaa.gif

Orsa Bernalda Futsal, verso il Regalbuto. Rispoli: “Dai miei ragazzi voglio determinazione, carattere e…gli occhi della tigre”

 

Rispoli_Cesare.jpg 

L’Or.Sa Bernalda ha voglia di riscatto e necessità di tornare al successo per ridare smalto alla classifica dopo il punto conquistato nelle ultime due gare. Troppo poco per quanto espresso dai lucani soprattutto nel match interno contro il Catanzaro mentre a Giovinazzo la sconfitta è stata in parte figlia degli infortuni. Proprio il tecnico dell’Or.Sa Bernalda Cesare Rispoli commenta così la partita di Giovinazzo: “Siamo stati in gara nel primo tempo fino al 4-3 però sono mancate le forze dopo la rinuncia a due elementi importanti come Antonucci e successivamente Gallitelli, entrambi per infortunio. Sono convinto che se avessimo avuto a disposizione questi due elementi per l’intero arco del confronto ci saremmo giocati la gara alla pari con il Giovinazzo, invece, abbiamo disputato il secondo tempo con un organico depauperato da queste assenze e i nostri avversari hanno mostrato maggiore freschezza fisica potendo puntare anche su una panchina lunga. Lo ripeto nel primo tempo abbiamo giocato alla pari riuscendo anche a portarci in vantaggio poi alcuni errori individuali ci hanno penalizzato”. Per quanto riguarda le difficoltà incontrate al momento dai rossoblu in trasferta e gli auspici della squadra targata Rispoli, il tecnico afferma: “Auspico una squadra che giochi bene sia in casa che in trasferta comunque, a parte la sconfitta di sabato scorso, credo che abbiamo tenuto bene il campo sia a Cosenza che a Cassano, in entrambe le circostanze abbiamo sbagliato tanti gol così come gli abbiamo mancati in casa in particolare con il Catanzaro. Sabato scorso, al contrario, la ripresa è stata quasi disastrosa per le assenze degli infortunati che ho citato prima. A parte questo aspetto dobbiamo migliorare acquisendo maggiore personalità, determinazione, cinismo, più cattiveria nei contrasti e nell’uno contro uno, oltre a maggiore consapevolezza nei propri mezzi. Se non riusciremo ad acquisire tali caratteristiche resteremo una bella squadra che si specchia ma fine a se stessa”. Il tecnico bernaldese valuta il livello del campionato che giudica sostanzialmente equilibrato e dai risultati imprevedibili senza una vera e propria “regina” del girone: “Ci sono giocatori esperti che hanno militato in squadre importanti e soprattutto a livello fisico sono ben strutturati, il campionato è molto equilibrato perché rispetto all’anno scorso non c’è una formazione ammazzacampionato come il Napoli quindi si può vincere e perdere con tutti per esempio Cassano che ha vinto 7-2 con la Futura, il Catanzaro che ha perso di misura contro il Cosenza e il Giovinazzo che aveva perso contro la Gear”. Ora al PalaCampagna salirà il Regalbuto: appuntamento sabato 27 novembre con inizio alle ore 16:00. In merito alla partita Rispoli dice: “Regalbuto è una squadra che sbaglia poco, molto quadrata e tosta. Io, però, voglio guardare in casa nostra e mi aspetto dai ragazzi più giovani voglia di rivalsa, voglio vedere “gli occhi della tigre”, la cattiveria agonistica giusta e tanta determinazione. Abbiamo anche qualche recriminazione per questo scorcio di stagione in particolare se avessimo vinto contro il Catanzaro adesso avremmo 9 punti in classifica e saremmo in una buona posizione. In casa non possiamo permetterci di perdere punti e auspico per sabato di recuperare Antonucci e Gallitelli…Ripeto mi aspetto una risposta sotto il profilo del temperamento da parte dei nostri ragazzi!” 

Ufficio stampa Or.Sa Bernalda Futsal

Enrico Losito