aaaa.gif

 grandinata.jpg

“Di un inaudita gravità quello che in pochi minuti è avvenuto nel metapontino e in special modo nel territorio di Montalbano Jonico (MT) dove un violento nubifragio in contemporanea a una bomba d'acqua si sono abbattuti: in particolare nel paese agricolo di ‘Francesco Lomonaco’, prima le strade si sono trasformate in fiumi in piena, poi sono state letteralmente coperte da grossi chicchi di grandine, imbiancate come se avesse nevicato. A rischio gli ortaggi e le colture tipiche del territorio, come pesche, ciliegie e albicocche. Molte sono le imprese fortemente danneggiate e qualcuna non riuscirà a riprendere la propria attività: a loro va assicurato un sostegno concreto e immediato. La prima misura da adottare è quella di sospendere le tasse e i tributi per alleggerire la pressione su chi sta vivendo una vera e propria tragedia imprenditoriale”. 

È’ la richiesta fatta dalla segretaria provinciale dell’Ugl di Matera, dove Pino Giordano riporta i gravi danni provocati dalla grandinata in provincia di Matera.

"Sono state danneggiate molte aziende agricole determinando in special modo un grave stato di emergenza sui territori agricoli del metapontino. Per quanto è accaduto - continua Giordano - è necessario attivare tutte le misure che possano in qualche modo alleggerire la situazione delle imprese, degli agricoltori e delle famiglie: l’Ugl chiede l’immediata sospensione dei tributi locali, certamente, ma anche dei mutui contratti con gli istituti bancari. L’assessore regionale all’Agricoltura, siamo convinti che si attiverà per la grave calamità di queste aziende che si sono già visto compromesso ulteriormente il loro settore agricolo che già versa in una situazione difficile a causa dei precedenti eventi calamitosi. Siamo a sostegno di loro, e a ricalco anche su quanto già sta’ facendo il Presidente della Provincia di Matera nonché Sindaco di Montalbano, Avv. Piero Marrese nel riconfermare la  vicinanza agli agricoltori e in attesa di valutare i danni che la grandinata ha loro inferto, il quale Marrese bene si è mosso nel chiedere alla Regione Basilicata lo stato di calamità naturale. L’Ugl è nella speranza, che da parte della Regione Basilicata ci sia la giusta attenzione attraverso l’individuazione di risorse immediate per sostenere il comparto agricolo. La Regione intervenga al più presto – conclude Giordano - tali emergenze vanno adeguatamente fronteggiate con idonei strumenti normativi, economici e finanziari a salvaguardia delle aziende, delle famiglie e di centinaia di posti di lavoro”.